Ricatto di Natale di L.D. Blooms

Buongiorno amici lettori, ora che le feste si avvicinano è tempo di affrettarsi a fare i regali e perché non donare una bella lettura natalizia come Ricatto di Natale di L.D. Blooms?

La trama

Se c’è una cosa che Ivy Winters detesta con una passione tale da renderla la versione femminile più carina del Grinch, quella è la stagione natalizia.
Ivy odia il Natale con tutti e cinque i sensi: dalle canzoni, ai film; dalle decorazioni, alle luci, passando per le pietanze tipiche e le bevande, non c’è una sola cosa che sopporti!
Un’infanzia solitaria e durissima, trascorsa a prendersi cura di sé e della sognante e iper-positiva sorella maggiore, Misha, l’ha resa ribelle e irriverente e le ha lasciato un’antipatia smodata per le festività di Dicembre, e per il Governo.

Nicholas Jensen sarebbe un uomo normale, se non fosse una star del cinema famosa in tutto l’universo conosciuto in grado di scatenare un tifone ormonale con il semplice sbattere delle sue ciglia; divide il suo tempo fra Los Angeles e New York e si aspetta di passare Dicembre in modo tranquillo e, chissà, magari anche noioso, ma i suoi piani vanno in fumo quando nella sua vita come un tornado di umorismo sarcastico e pessimista arriva Ivy.

Ma che cosa può aver messo sulla strada del bell’attore dalla vita all’apparenza perfetta una cyber-attivista con una fedina penale lunga un chilometro, i federali sempre alle calcagna, la fastidiosa abitudine di inventarsi parole che non esistono e un bagaglio emozionale così grosso da poter riempire per intero la stiva di un Boeing 747?

E perché sono costretti a passare il mese di Dicembre in mezzo al nulla, nella fredda, nevosa e minuscola città di Havenford, Connecticut?

Un ricatto bello e buono e una bimba da salvare in una commedia romantica, divertente e frizzante su cosa NON fare assolutamente nel periodo di Natale.

ricatto-di-natale

 

  • Titolo: Ricatto di Natale
  • Autrice: L.D. Blooms
  • Casa editrice: Autopubblicazione
  • Data di pubblicazione: 30 novembre 2015
  • Pagine: 338
  • Prezzo: 14,98€
  • Prezzo ebook: 0,99 €
  • Narrazione: in prima persona

 

 

 

 

La mia recensione

Pensate a una persona che odia il Natale, come il Grinch. Una persona che non si fida di nessuno ed è pessimista. Questa è Ivy, la protagonista del racconto Ricatto di Natale. Rimasta orfana ha accanto solo la sorella Misha che a differenza di lei ha un ottimismo contagioso. A causa di questo diverso modo di vedere la vita i rapporti tra loro si incrinano fino a quando ricominciano a parlarsi. Ma è troppo tardi. Misha è malata. Ha un male non le lascia scampo e una figlia, Emma, avuta da un uomo che poi l’ha lasciata. L’unica persona a cui affidare la piccola è la sorella Ivy, la quale ha problemi con la giustizia perché di professione fa la hacker. Un mestiere non proprio legale. Per questo Ivy, se vuole la custodia di Emma, deve dimostrare all’assistente sociale di essere cambiata. Di avere trovato un lavoro onesto e compatibile con l’impegno di accudire la bambina e di restare nel paesino dove vive la piccola. Il nevoso Connecticut. Per dimostrarsi all’altezza però Ivy racconta una piccola bugia. Quella di avere un fidanzato. Un certo Nick. Che è il più famoso attore di New York. Cacciatasi in questo guaio Ivy deve convincere Nick a fingere di essere il suo fidanzato e fare insieme a lui da tutore alla piccola Emma. Questa esperienza si rivelerà movimentata e divertente e la finzione tra i due si trasformerà in realtà.

Un romanzo che ho molto apprezzato per i personaggi. Ivy, nonostante odi il Natale e sia pessimista si ritrova a dare un senso personale a questa festa fatta di luci e regali, è una protagonista che è disposta a fare di tutto purché la figlia di sua sorella non cresca senza una famiglia come è capitato a lei. Questo è il lato che ho più ammirato di questo personaggio. È disposta anche ad accettare di vivere in un territorio sperduto, a circondarsi di neve e di addobbi natalizi per far felice la piccola e farla crescere in un ambiente sereno. Emma fa cambiare in positivo Ivy, le fa vedere il lato più giocoso e gioioso della vita. Nick è una figura molto calorosa, disponibile ad aiutare la protagonista per non far in modo che Emma cada tra le braccia fameliche degli assistenti sociali, o di persone interessate solo all’assegno di mantenimento della piccola. Un altro personaggio che ho stimato è Gloria, l’assistente sociale che difende Ivy dopo che ha perso la custodia della bimba. Meno simpatica mi è apparsa Monica, che si occupa degli affidamenti, che è una figura dedita al lavoro ed è pronta a fare bella figura con le sue amiche perché ha conosciuto Nick grazie ad Ivy.

Simpatica e piacevole è la parte della convivenza tra i due personaggi principlai che hanno modo di conoscersi meglio e di apprezzarsi a vicenda nonostante il ricatto di Ivy. Un racconto che fa entrare nell’atmosfera natalizia.

La narrazione offre una vera e propria playlist di tutte le canzoni che parlano di questa festività, una filmografia di tutte le pellicole a sfondo natalizio e anche una bibliografia. Quindi questo libro è un vero e proprio inno allo spirito natalizio, caratterizzato dalla speranza. Perché Ivy, pur odiando il Natale, si ritrova a dare a questa festa un nuovo significato. Per lei infatti Natale significa un nuovo inizio per lei, Nick e la piccola Emma. Simboleggia la fine della sua solitudine, il fatto di avere finalmente trovato un amore e una casa. Un romanzo caldo, avvolgente, che fa riscoprire i valori dell’unione, dell’amore e della famiglia.