Recensione libro: Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson

Buon giorno amici lettori! Ogni tanto è giusto cambiare, staccare un po’ dai romanzi rosa che tanto adoro. Per questo ho deciso di approfittare delle vacanze natalizie per avventurarmi in un altro libro giallo. In particolare ho scelto di leggere Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson. Se siete curiosi di scoprire cosa ne penso non vi resta che leggere la recensione.

La trama

Sono passati molti anni da quando Harriet, nipote prediletta del potente industriale Henrik Vanger, è scomparsa senza lasciare traccia. Da allora, ogni anno l’invio di un dono anonimo riapre la vicenda, un rito che si ripete puntuale e risveglia l’inquietudine di un enigma mai risolto. Ormai molto vecchio, Henrik Vanger decide di tentare per l’ultima volta di fare luce sul mistero che ha segnato tutta la sua vita. L’incarico di cercare la verità è affidato a Mikael Blomkvist: quarantenne di gran fascino, Blomkvist è il giornalista di successo che guida la rivista Millennium, specializzata in reportage di denuncia sulla corruzione e gli affari loschi del mondo imprenditoriale. Sulle coste del Mar Baltico, con l’aiuto di Lisbeth Salander, giovane e abilissima hacker, indimenticabile protagonista femminile al suo fianco ribelle e inquieta, Blomkvist indaga a fondo la storia della famiglia Vanger. E più scava, più le scoperte sono spaventose.

51zbt2fxfwl-_sx327_bo1204203200_

  • Titolo: Uomini che odiano le donne
  • Autore: Stieg Larsson
  • Casa editrice: Marsilio
  • Data di pubblicazione: agosto 2005
  • Pagine: 676
  • Prezzo: 8,42 €
  • Prezzo ebook: 7,99 €
  • Narrazione: in terza persona

La mia recensione

Questo era un libro che volevo leggere da parecchio tempo. Era uno tra i molti libri in arretrato che desideravo leggere. Tra vari impegni ho sempre rimandato questo giallo che mi incuriosiva. Questo perché, da gran divoratrice di libri, so che quando una lettura mi prende non riesco a smettere. E rischio di trascurare il resto pur di arrivare al finale. Quindi ho atteso fino ad ora per poter disporre di tempo sufficiente per godermi questo libro.

La storia che Larsson ha architettato è davvero intrigante. Non ho potuto fare a meno di rimanere incollata al libro, avida di scoprire come si sarebbe risolto il caso. È tutto talmente ben dettagliato che, per assaporare ogni parola, ho dovuto impormi un ritmo di lettura lento, meno forsennato.

Mikael Blomkvist mi è parso subito un personaggio affascinante. Obiettivamente è stato un folle ad accettare l’incarico di Henrik Vanger di indagare sulla scomparsa della nipote Harriet, avvenuto negli anni sessanta, spinto soprattutto dal fatto che svolgendo questa ricerca avrebbe ottenuto importanti rivelazioni su Hans – Erik Wennerstrom. Insomma, Mikael ha agito più che altro d’impulso, spinto dal desiderio di vendetta nei confronti di Wennerstrom, per colpa del quale è finito in tribunale per diffamazione. Cosa che mi ha sorpreso dal momento che all’inizio è comparso come un uomo estremamente razionale. Ma in questo modo è emerso un altro lato di lui che mi ha incuriosita. È saltato fuori il vero giornalista che è in lui. Astuto e infervorato.

Le indagini sul caso Harriet costituiscono la parte più consistente di questo primo volume della trilogia Millennum, ma anche quelle più accattivanti. Larsson è stato davvero abile nel tenermi con il fiato sospeso e a far sì che, indizio dopo indizio, si scoprisse via via qualcosa in più. Questo mi ha permesso di entrare davvero nella storia, perché si ha la sensazione di seguire passo passo Blomkvist e di formulare assieme a lui ipotesi e congetture.

Le cose si sono fatte ancora più interessanti quando il giornalista entra in contatto con Lisbeth Salander. Lei personalmente è il personaggio che ha attratto maggiormente il mio interesse. È davvero un bel tipino. Una giovane donna con un passato problematico ma dall’intelligenza brillante. Sarà proprio lei a permettere a Blomkvist di fare enormi passi in avanti, di dare una svolta alle indagini. Grazie al frutto delle ricerche di Lisbeth i due insieme riescono a risolvere il mistero della sparizione di Harriet. E la loro scoperta lascerà tutti a bocca aperta per la sorpresa.

Questo libro è davvero perfetto così com’è. È ricco di suspense e colpi di scena davvero mozzafiato. Personalmente però, da fan di Lisbeth, non mi sarebbe dispiaciuto che lei riuscisse finalmente ad aprirsi con Mikael, a rivelarle cosa prova per lui…anche perché insieme sarebbero una coppia formidabile.

Buona lettura!