Recensione libro: Tre appuntamenti al buio di Meghan Quinn

Buongiorno cari liberi e libere. Noi siamo sempre qui per voi a tenervi compagnia con i nostri consigli per le vostre letture. Oggi vogliamo trattare di un libro consigliato a tutte le libere single in cerca di un fidanzato. Che non disdegnano di incontrarlo senza prima sapere la sua identità. A cui piace la sorpresa e non si fanno problemi a partecipare ad un appuntamento al buio. Stiamo scrivendo di Tre appuntamenti al buio di Meghan Quinn che vuole essere un intrigante esperimento sociale.

 

 

La trama

Noely Clark è una conduttrice televisiva molto popolare a Malibu. La sua vita è praticamente perfetta, ma la ricerca dell’anima gemella è a un punto morto. La fortuna, fino a ora, non è stata dalla sua parte e Noely ha deciso di prendere in mano il suo destino iscrivendosi al programma di appuntamenti al buio promosso da una catena di ristoranti della città. Le regole sono semplicissime: dovrà fornire informazioni dettagliate su sé stessa in modo da creare un profilo che tenga segreti il suo nome o il suo aspetto. Gli appuntamenti avranno luogo in uno dei ristoranti della catena e, se andranno a buon fine, Noely potrà conoscere il nome dell’uomo dei suoi sogni. E se scegliere tra gli affascinanti sconosciuti si rivelasse più difficile del previsto?

L’autrice

Meghan Quinn, trascorre il suo tempo immergendosi nella lettura del suo ebook reader, ascoltando musica strappalacrime o scrivendo convulsamente per dare vita a qualcuna delle storie che popolano la sua testa. Vive con la famiglia in Colorado, in una città dove splende sempre il sole.

 

 

  • Titolo: Tre appuntamenti al buoio
  • Autore: Meghan Quinn
  • Editore: Newton Compton
  • Genere: Commedia romantica
  • Data pubblicazione: Novembre 2019
  • Numero pagine: 311
  • Prezzo copertina: 12,90 €
  • Prezzo e-book: 4,99€

 

 

 

La mia recensione

Rispolverando la lettura in Kindle sono stata attirata da Tre appuntamenti al buio. Un volume che ha suscitato in me emozioni contrastanti. Nel senso che ci sono stati vari aspetti che mi sono piaciuti mentre altro che non ho gradito e ho faticato a comprendere. Ma partiamo con il riassumere brevemente il romanzo.

Noely Clark, presentatrice televisiva, single, decide di partecipare ad un programma chiamato Going in blind, promosso da un locale. Questo programma vuole aiutare i single a incontrarsi offrendo loro un ristorante perfetto dove conoscersi e avviare una piacevole conversazione.
Inoltre sulla base dei video di presentazione fatti da chi cerca il primo abbinamento è quello con la persona di affine.
Per fare il video di presentazione Noely però utilizza l’attrezzatura di lavoro. Il suo capo lo scopre e la costringe a parlare pubblicamente di questa faccenda. Facendo anche pubblicità al progetto Going in blind e al locale dove si svolgono gli appuntamenti al buio.

Le tre persone che incontra la presentatrice però si rivelano uomini normali che non cercano veramente una storia seria, o meglio, tutti e tre sembrano avere dei difetti che non vanno d’accordo con la personalità della nostra protagonista.

Il primo uomo non apprezza il fatto che ne abbia parlato pubblicamente in tv anche perché le ha nascosto un segreto che rivela sua vera identità.  Scoprendolo Noely potrebbe non volerlo più conoscere.
Il secondo si rivela un bel ribelle ma tremendamente riservato. Una persona che non è ancora pronta a innamorarsi di nuovo. Lo stesso vale per il terzo uomo, anch’esso fermo ancora a pensare ad un amore passato.
Il caso vuole però che l’incontro con il primo uomo si riveli fatale per Noely. Ma riuscirà a passare oltre quello che questa persona le ha tenuto nascosto? Il vero amore riesce a superare anche quello che viene omesso per paura di essere rifiutati. Non vi resta che scoprirlo leggendo questo  romanzo.

Passiamo ora agli aspetti che rendono a mio parere questo volume un libro che vale la pena leggere ma in Kindle o prendendolo il prestito in biblioteca. Uno di questi motivi è per la protagonista. Ha delle caratteristiche dolceamare che ho faticato a comprendere.

Per esempio lodevole è il fatto che partecipi a questi incontri al buio. Noely ha uno spirito vivace, sensibile ed estroverso.
Una cosa che non ho apprezzato di lei è che abbia il vizio di annegare il suo dispiacere nell’alcool. Il che mi ha fatto pensare alla classica americanata.

Personalmente ho compreso, o meglio, sono riuscita ad entrare di più in empatia con Dylan, la sua collega e amica che invece sfiga i suoi dispiaceri facendo sport e sfornando muffin e donut. Altra cosa che ho faticato a comprendere è che mi sono trovata ancora di fronte al fatto che essere single sia visto come qualcosa di negativo. Che per essere felici bisogna per forza legarsi ad un’altra persona. Senza comprendere che l’amore ha anche altre forme pur sempre nobili come per esempio quello per i propri genitori, quello verso i nostri fratelli o sorelle o quello rivolto ai nostri animali domestici.

Ecco, questo ha sviato Noely dalla retta via. Mi è sembrata talmente occupata nel progetto di trovare per forza un fidanzato che dimentica le altre forme d’amore. Specie quello più importante. Ovvero l’amore verso se stessi. Infatti la vediamo fare delle pessime figure. Specie durante il terzo incontro al quale si presenta poco lucida.

Quello che invece mi è piaciuto e risulta accattivante sono come sono stati caratterizzati i tre personaggi maschili con cui la presentatrice ha questi incontri al buio. Ognuno ha delle peculiarità che lo rendono unico, degno di entrare a far parte del cast di un film. Tutte figure che però si prestano anche facilmente a diventare cliché. Insomma ad essere stereotipate. Lo stesso si potrebbe dire anche della protagonista. La classica ragazza in cerca d’amore.

Il primo protagonista infatti si potrebbe riassumere come il classico uomo raffinato, dalle buone maniere. Il secondo può essere banalizzato al cliché del bello e dannato, perfetto per passare un’avventura di una notte. Il terzo può essere invece stereotipato all’ atleta dal cuore tenero.
Dunque proprio perché tutte le figure che si incontrano in questo romanzo le ho trovate poco approfondite e stereotipate la lettura di questo romanzo è piacevole ma non indimenticabile. Per questo suggerisco di procurarselo in Kindle o tramite il prestito in biblioteca.
Adatto a chi vuole passare qualche ora all’insegna della spensieratezza. Ora più che mai necessaria in questi giorni di quarantena in cui ci si trova chiusi in casa.

Quindi se anche voi volete ridere, dimenticare le vostre disavventure, non ci resta che invitarvi alla lettura di questo romanzo cliccando sul link che vedete qui sotto e…

BUONA LETTURA!!!