Recensione libro: Solo per vederti felice di Rosario Pellecchia

Buongiorno carissimi liberi e libere. Non lasciamoci condizionare dalle notizie sempre meno incoraggianti che sentiamo al telegiornale. Pensiamo invece ad alleggerire un po’ il clima. La lettura di un buon libro è un ottimo modo per riuscirci. Oggi volgiamo  proporvi Solo per vederti felice di Rosario Pellecchia edito da Mondadori. Un libro che sa arrivare al cuore di qualsiasi libero e libera che si trovi a leggerlo. Perché tratta dell’amore di un figlio per la madre purtroppo malata di Alzheimer.

La trama

Ross ha poco più di quarant’anni, vive a Milano e conduce il programma del mattino in una radio nazionale. La sua vita scorre senza grossi intoppi, tra la diretta quotidiana, il suo migliore amico ossessionato dalle ragazze, le improbabili sedute dall’analista e una storia appena iniziata con Sara. Il tutto vissuto con una buona dose di superficialità.

Un giorno riceve una chiamata da sua sorella che lo informa del peggioramento delle condizioni della loro anziana madre, malata da tre anni di demenza senile. Laura gli comunica anche che durante il mese di agosto toccherà a lui occuparsene, senza se e senza ma. Ross cerca di sottrarsi, ma non c’è modo. Parte per la sua città natale, Castellammare di Stabia, pieno di dubbi: come farà a gestire questa situazione? E soprattutto, ne sarà capace? Il ritorno a casa conferma da subito le sue perplessità: la convivenza con sua madre si rivela molto complessa e sofferta, le sue domande incessanti e sconclusionate lo sottopongono a una dura prova, tanto da indurlo a mettere in pratica un’idea bizzarra.

Tra colpi di scena, situazioni tragicomiche, momenti di struggente tenerezza e un finale a sorpresa, Ross tenterà di restituire a sua madre un barlume di felicità, rendendosi conto di essere diventato, nel frattempo, una persona migliore.

L’autore

Rosario Pellecchia è nato a Castellammare di Stabia e vive a Milano. Dj radiofonico, giornalista e cantante, è in onda ogni mattina su Radio 105 con 105 Friends. Ha pubblicato cinque album col suo progetto musicale Flabby. Questo è il suo primo romanzo.

 

 

  • Titolo: Solo per vederti felice
  • Autore: Rosario Pellecchia
  • Editore: Mondadori
  • Genere: Narrativa italiana
  • Data pubblicazione: maggio 2019
  • Numero pagine: 245
  • Prezzo copertina: 14,45 €
  • Prezzo e-book: 9,99€
  • Narrazione: Prima persona

 

 

 

 

 

 

 

La mia recensione

Questo volume è stato per me davvero una rivelazione. L’ho trovato di una delicatezza e di una simpatia unica. Che rivelano la personalità dell’autore. Il quale sembra avere un’animo sensibile e allo stesso tempo in grado di sdrammatizzare una situazione pesante.

Qui infatti chi scrive è lo stesso Rosario che dopo essersi creato una sua stabilità a Milano si ritrova catapultato nella sua città natale, Castellamare di Stabia, per prendersi cura della madre malata di Alzheimer e lasciare che sua sorella si prenda un po’ di riposo dato che fino al suo arrivo si era presa lei a cuore la salute della madre.

La malattia si rivela più insidiosa del previsto. La madre infatti alterna momenti di lucidità ad altri nei quali sembra disconnessa dalla realtà e sembra vivere in un mondo tutto suo.

Ros si rivela un uomo dalle mille risorse ed escogita, grazie all’aiuto del suo prezioso amico Ciro, delle strategie per alleggerire la situazione e sentire meno il peso dovuto alla malattia di sua madre che la trasforma giorno dopo giorno.

Questi espedienti risultano una valida terapia alternativa a quella normale e fanno sorridere il lettore che si trova a condividere con l’autore queste strategie bizzarre ma efficaci.

Ancora di più perché la madre sembra davvero più reattiva e realizza che il periodo più bello lo ha trascorso proprio in compagnia di suo figlio e di questo gliene sarà eternamente grata.

Un volume unico. Imperdibile. Di una delicatezza estrema. Che fa davvero riflettere. Suggerisce di affrontare anche le situazioni più drammatiche con il sorriso. Evitando di lasciarsi prendere dal panico che può solo peggiorare la situazione. E ora più che mai questo suggerimento è da seguire rispettando le regole che ci vengono richieste. Che se ben ci pensate sono solo a breve termine e in confronto al lungo periodo solo solo un piccolo sforzo per tornare più forti di prima.

Quindi non ci resta che invitarvi alla lettura di questo romanzo se volete passare qualche ora spensierata e cercando di cogliere la preziosa riflessione indicata sopra.

BUONA LETTURA!!!