Recensione libro: La scelta di una madre di Melissa Hill

Bentornati liberi e libere per un’altro dei nostri consigli per le vostre letture. Neanche il caldo torrido di agosto ci ferma e siamo felici di essere qui a tenervi compagnia con le nostre recensioni. Speriamo siate amanti delle storie forti. Quelle che riesci a sentire tue e che riescono a farti coinvolgere tanto da non sentire nè il caldo nè il tempo che passa. Quindi se siete uno o una di quei lettori consigliamo di proseguire la lettura di questa critica di La scelta di una madre di Melissa Hill.

La trama

Due donne, due madri, due famiglie. Un romanzo attualissimo e ricco di svolte inaspettate, che riflette sulle scelte impossibili cui ogni genitore è chiamato e cerca, senza dare giudizi sommari, di rispondere alla domanda più difficile: chi decide se una madre è buona o cattiva?

Madeleine ha un blog molto seguito in cui parla di maternità in tono ironico e dissacrante, «Mamma matta». Tra ospitate in tv e contratti editoriali, la sua fama è in ascesa. Ha due figli, Clara di cinque anni e Jake di otto, e d’accordo con il marito Tom, spaventata dallo spettro dell’autismo, ha deciso di non vaccinarli.

Dopo un viaggio in Florida, però, Clara si ammala di morbillo. Kate fa l’infermiera, è vedova e dalla morte del marito si dedica completamente alla sua bambina di cinque anni, Rosie. Piano piano riesce a ricostruire con lei un equilibrio fatto di abitudini e piccoli gesti, ma proprio quando a Kate sembra di poter tornare a respirare, anche Rosie si ammala.

La diagnosi è morbillo, contro il quale la bimba, per una forma di allergia, non è vaccinata. Per la piccola, però, le complicanze mediche sono gravissime. È così che comincia lo scontro tra Kate e Madeleine, due madri come tante che loro malgrado si ritrovano capofila di schieramenti opposti, in una battaglia che si trascina fino alle aule dei tribunali.

 

  • Titolo: La scelta di una madre
  • Autore: Melissa Hill
  • Editore: Fabbri
  • Genere: Narrativa
  • Data pubblicazione: Agosto 2017
  • Numero pagine: 396
  • Prezzo cartaceo: 14,52€
  • Prezzo e-book: 9,90€
  • Narrazione: Terza persona

 

 

 

 

La mia recensione

Premetto che non avevo mai letto nulla prima di questa autrice che mi pare con questo libro si sia distaccata dalle sole tematiche soft e rosa. Almeno così mi è parso vedendo i titoli e le trame degli altri volumi che ha scritto.

Qui l’autrice sembra davvero essere coinvolta lei stessa ed è riuscita pienamente nell’intento di far immedesimare chi si trova a leggere questo imperdibile romanzo. Qui il lettore non si trova di fronte al classico romanzo rosa ma una trama molto più approfondita che comunque non lo delude.

Anche chi non è madre ma una semplice figlia come me si ritrova comunque a comprendere entrambe le due figure principali che si ritrovano a fare i conti con le conseguenze delle loro scelte.

Sono davvero riuscita a mettermi nei loro panni. A chiedermi come avrei agito e reagito io al loro posto e rispondermi che si, anche io mi sarei comportata come hanno fatto loro se avessi avuto davanti la stessa situazione.

Questo volume tratta di due madri che per diverse ragioni non hanno voluto far vaccinare i loro figli. Madeleine perchè temeva che facendolo i suoi figli sarebbero diventati autistici. Kate invece perchè sua figlia si è rivelata allergica ad un componente presente in essi.

Accade che Rosie e la figlia di Madeleine frequentino la stessa scuola e che si trovino a fare i conti con una delle classiche malattie che possono avere i bambini a quell’età. Il morbillo.

Clara però riesce a riprendersi miracolosamente mentre Rosie si ritrova ad affrontare le spiacevoli conseguenze dovute alla malattia.

Questo rende Kate una madre leonessa. Venuta a sapere che Clara non era stata vaccinata è convinta che sia stata lei a contagiare sua figlia. Non esita dunque ad intraprendere una lunga causa legale contro Madeleine e la sua famiglia. Causa che ha anche una grande eco mediatica. Perchè perfino la televisione e i giornali arrivano a parlare di questo scottante argomento.

La causa fa emergere come siano ben netti e delineati i due opposti schieramenti. Pro vax e no vax. Pronti a rivendicare le ragioni delle loro scelte.

Il finale però è la parte migliore di tutto il volume perchè si scoprirà chi vincerà questa battaglia per salvare i propri figli. Si scoprirà anche che i luoghi che sembrano i più sicuri per i propri figli a volte non sono a norma. Una battaglia che sono sicura infiammerà anche il cuore il di ogni lettore.

Un volume spettacolare con una trama avvincente. Un libro che fa capire quanto può essere profondo l’amore di una madre verso la sua prole. Persino io mi sarei trasformata in una vera leonessa. Pronta a tutto pur di salvare i miei piccoli e farmi giustizia. Lo dico da figlia.

Questo solo per ribadire la bravura di questa scrittrice che ha saputo tenermi letteralmente incollata davanti alle pagine del libro e che è stata tanto coraggiosa da aver scelto di trattare una tematica magari poco nota ma che sta a cuore a qualsiasi madre e a qualunque famiglia.

Dunque se anche voi siete incuriositi da questa trama e volete soddisfare tale curiosità non esitate ad acquistare questo volume cliccando sul link che vedete qui sotto e buona lettura.

BUONA LETTURA!!!