Recensione libro: La lista delle cose semplici di Lucia Renati

Buongiorno carissimi liberi e libere. Qui sono Luna e Silvia a tenervi compagnia con altri consigli per le vostre letture. Oggi vogliamo suggerirvi un volume che vi conforterà e vi lascerà un bellissimo messaggio di speranza. Si tratta de La lista delle cose semplici di Lucia Renati edito da Sperling & Kupfer

La trama

Due sorelle gemelle, la lista delle dieci cose più importanti da fare nella vita. Un legame che supera ogni confine, un decalogo per tornare a vivere. Camilla e Sara sono gemelle. La lista delle dieci cose più importanti da fare nella vita l’hanno stilata insieme, a nove anni: arrivare a cento salti, dire la verità, baciare solo per vero amore… Quando Sara, appena undicenne, viene a mancare tragicamente, Camilla si trova a dover crescere senza la sua metà, a dover ricalcolare la rotta della sua vita. Ma come si riparte dopo un dolore così grande? Come si fa ad amare di nuovo, a fidarsi e affidarsi a qualcuno senza pensare che prima o poi, improvvisamente, potrebbe lasciarti? Così Camilla per anni relega in un angolo di cuore quel tassello di vita che però compare in ogni sua scelta e la tiene bloccata al passato.

Cinica e disillusa, ora che è adulta, lavora come giornalista in una TV locale. Impermeabile all’amore di Andrea, il fidanzato devoto che prova con la dolcezza a raggiungere il suo cuore, crede che i sentimenti siano sopravvalutati. A scalfire la sua corazza ci provano anche Tea, amica d’infanzia e collega un po’ fricchettona, e i suoi genitori, Walter e Teresa, che convivono con un dolore inimmaginabile senza parlarne mai. Perché perdere un figlio è una cosa alla quale non si riesce a dare un posto, né fuori, né dentro di noi.

Vent’anni dopo la morte di Sara, Camilla ritrova per caso quella lista di cose semplici scritta da bambine e non riesce più a ignorarla. Il tentativo di mettere in pratica quel decalogo farà venire a galla un potente segreto di famiglia, che darà risposta alla domanda che da sempre la perseguita: «Perché io sono viva e lei no?» Ispirato alle vicende autobiografiche dell’autrice, “La lista delle cose semplici” è la storia commovente di rinascita e speranza di una giovane donna dopo una terribile tragedia.

L’autrice

Lucia Renati (Pesaro, 1981) vive a Rimini ed è giornalista professionista. Lavora in un network radiotelevisivo locale. È stata caposervizio della comunicazione della Comunità San Patrignano, corrispondente per la trasmissione Tagadà di LA7 e ha collaborato con Donna Moderna e Vanity Fair. Si occupa di comunicazione, pubbliche relazioni e social media. www.fumosolodopocena.wordpress.com

 

 

  • Titolo: La lista delle cose semplici
  • Autore: Lucia Renati
  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Genere: Narrativa italiana contemporanea
  • Data pubblicazione: marzo 2021
  • Numero pagine: 266
  • Prezzo copertina: 16,05 €
  • Prezzo e-book: 9,99 €
  • Narrazione: Prima persona

La nostra recensione

Ci sono periodi della vita in cui ci sente sperduti, come se si avesse perso la direzione in cui desideriamo andare. Ci sono momenti in cui ci sentiamo inferiori agli altri, si ha paura di spiccare il volo convinti di non essere speciali.

Così vive Camilla per ben trent’anni della sua vita. Fin da bambina vede nella gemella il modello di perfezione a cui aspira. Anche se Sara era sempre stata quella più accentratrice e prepotente, sempre al centro dell’attenzione.

Nonostante le loro diversità sono sempre state un’unica cosa, ma una volta rimasta solo Camilla questa unità si spezza. E delle ali gemelle della farfalla ecco che ne rimane una sola. Come spiccare il volo allora?

Da allora la strada per la felicità per Camilla è irta di insidie. Dopo il tragico lutto si sente sola a combattere con il peso di una sorella perduta e con dei genitori che le addossano la responsabilità di dover fare anche le veci di Sara.

Dopo questo drammatico episodio Camilla si è sempre sentita isolata, esclude i suoi genitori che invidia perché loro sono ancora due mentre lei è rimasta una.

In particolare cambia il rapporto che ha con suo padre, un uomo che nonostante le sue umili origini è riuscito a costruire una sua piccola realtà. Questa donna lo accusa di averla abbandonata emotivamente, di non essersi mai interessato a lei dopo la perdita di Sara, come fosse meno importante.

In realtà si scoprirà che Camilla non è mai stata sola. Era lei ad incrinare qualsiasi rapporto con i suoi genitori e anche loro dovevano in qualche modio gestire il lutto sembrando forti.

Loro hanno comunque sbagliato nel non cercare di avvicinarsi emotivamente a Camilla, di farle esternare il suo dolore. Comunque l’hanno sempre seguita da distante. Come angeli l’hanno vegliata da lontano raccogliendo ogni suo piccolo successo.

Un romanzo delicato e arioso come il volo di una farfalla. Un volume che lascia un messaggio di speranza che è questo: “Tu non sei solo”, che indaga sul legame genitori figli, sulla gestione del lutto. Uno scritto che esalta l’importanza della comunicazione, fondamentale per superare qualsiasi evento traumatico perché il silenzio e la solitudine arrivano a creare delle crepe che risultano difficili da saldare.

Non resta che invitarvi alla lettura di questo romanzo cliccando sul link che vedete qui sotto e…

BUONA LETTURA!!!