Recensione libro: Il vestito perfetto di Louisa Leaman

Buongiorno carissimi liberi e libere. Siamo sempre qui per voi a tenervi compagnia con i nostri consigli per le vostre letture. Stamani vogliamo rivolgerci ai liberi e le libere che sognano il matrimonio. Che sognano di sposarsi e incontrare l’altra metà. Infatti oggi vi presentiamo L’abito perfetto di Louisa Leaman edito da Newton Compton.

La trama

Il negozio di abiti da sposa di Fran Delaney è un posto speciale. Fran trova capi vintage favolosi, scopre tutto quello che può sulla loro storia, poi li abbina alle spose giuste. I suoi sono più che semplici abiti: mettono in risalto l’autentica personalità di chi li indossa. Fran riesce sempre a trovare l’abito perfetto per ognuna, anche se spesso la scelta ricade su qualcosa di totalmente inaspettato per la sposa. Ha una proposta audace per chi soffre di timidezza.

Un vestito semplice per  la ragazza che non ha paura di osare.E qualcosa di eccentrico per chi normalmente tende a non farsi notare. Nel suo lavoro Fran segue sempre due princìpi: non innamorarsi mai di un abito e non proporne mai uno che abbia una storia sfortunata. Entrambe le regole, però, sono destinate a infrangersi quando le capita tra le mani un bellissimo capo degli anni Cinquanta. Indagando sulla precedente proprietaria, Fran incontra Rafael Colt, il figlio della sposa, e scopre un segreto che potrebbe essere la chiave della propria felicità…

L’autrice

 

È nata nel 1976 nell’Essex. Si è laureata in Storia dell’arte e, nel 2004, ha vinto un prestigioso concorso di scrittura sponsorizzato da un supplemento del «Times». Ha collaborato  con importanti testate come «The Guardian», «The Observer» e «The Independent». Uno dei suoi romanzi per ragazzi è diventato un documentario della BBC. I diritti di traduzione de Il vestito perfetto sono stati venduti in Germania e Spagna.

 

 

 

  • Titolo: Il vestito perfetto
  • Autore: Louisa Leaman
  • Editore: Newton Compton
  • Genere: Narrativa inglese contemporanea
  • Data pubblicazione: Febbraio 2020
  • Numero pagine: 232
  • Prezzo copertina: 9,94 €
  • Prezzo e-book: 4,99 €
  • Narrazione: Terza persona

 

La mia recensione

Anche se non sono sposata ne ho l’intenzione di compiere questo grande passo suggerisco caldamente la lettura di questo romanzo. Che fa incontrare l’aspetto romantico con figure che hanno alle spalle un passato tormentato al pari di personaggi che si trovano nel genere young adult.

Un volume delicato e allo stesso tempo profondo. Sa arrivare all’animo di ogni lettore e fa conoscere loro figure che come tenere farfalle si posano sulla sua e non lo lasciano senza essere rimaste nel loro cuore.

Infatti chi si immergerà in questo romanzo potrà fare la conoscenza di Francesca Delaney. Essa ha una passione per gli abiti e ha un negozio in cui vende abiti da sposa vintage. Crede fermamente che ogni vestito emani una particolare energia che si adatta solo ad una determinata sposa.
Per questo cerca qualsiasi informazione che riguardi gli abiti che ha in vendita . Inoltre questa donna si è anche autoimposta delle regole, una delle quali è di non innamorarsi mai di un abito che ha in vendita e neanche provarlo. Questo proposito viene meno quando si trova ad una svendita dove incontra Rafael , figlio della defunta donna alla quale appartiene un fantastico e costoso vestito da sposa firmato Garrett-Alexia. Da questo fugace incontro partono le ricerche sull’abito e sullo scontroso uomo a cui vuole chiedere informazioni.

Poi il lettore potrà incontrare il burbero Rafael . Egli, come lui stesso afferma, appartiene alla schiera di uomini cattivi. Possiede una fondazione benefica e quindi dispone di un ricco patrimonio. Il suo carattere scontroso e poco incline ad esprimere i suoi sentimenti mette a dura prova la povera Fran. Persino la sottoscritta ha faticato ad entrare in empatia con lui pur essendo tendenzialmente introversa.

Le ragioni del suo pessimo carattere però non sono del tutto immotivate. Egli deve fare i conti con il matrimonio infelice e senza amore dei suoi genitori e con sua sorella che dalla loro morte si è trasformata in una povera ladra per mantenere i suoi vizi.
Dopo queste motivazioni si può arrivare a comprendere meglio questo personaggio e cambiare opinione su di lui perché grazie anche all’incontro con Fran riesce a smorzare i suoi lati più ombrosi e tornare a credere nell’amore.

Tra i personaggi che il lettore può conoscere poi merita di essere menzionato Mick, l’assistente di Fran, il quale assieme  all’assistente di Rafael, Mimi, fa  un po’ da Cupido. Vuole solo il meglio per la sua amica e la aiuta affinché le cose tra lei e Rafael abbino un lieto fine. Lo stesso lo desidera Mimi. Quindi sembrano davvero meritare il ruolo di assistenti.

Ecco tutte queste figure rendono a mio parere questo volume imperdibile e tra i più romantici che abbia mai letto. Inoltre, e non è una motivazione da poco per leggerlo, vediamo scontrarsi presente e passato per offrire al lettore solo una parola, speranza.

E a proposito di questo argomento i due protagonisti sembrano proprio incarnare questi due tempi.

Fran impersona il passato alla perfezione. La affascina ciò che ha una storia dietro da raccontare e da Rafael è proprio accusata di vivere ancorata al passato. Un tempo che risveglia in lei ricordi dolce amari e il terrore di riviverne uno in particolare che l’ha davvero segnata.

Rafael invece sembra incarnare il presente e anche un po’ il futuro. Sempre concentrato sui suoi progetti di beneficenza. Determinato a cancellare il passato, e aggiungo io se solo potesse anche il suo cognome.
Chiaro che entrambi hanno dei conti in sospeso con   il passato. Di quello di Fran si sa poco, il lettore viene a conoscenza di un abito da sposa che ha chiuso in un cassetto. Solo nel finale affronta assieme alla protagonista quali ricordi facciano riaffiorare in lei tale vestito. Rafael la aiuterà a liberarsi di tutta la negatività del passato dimostrare di essere la persona perfetta per lei con quale voltare definitivamente  pagina.

Rafael invece deve affrontare ciò che è stato con il solo proposito di essere migliore . E questo lo vediamo realizzarsi solo grazie all’incontro con Fran. Con il suo aiuto vediamo questo benefattore aprirsi un po’ di più e mostrare in fondo di essere solo un tenero romantico.

Un volume che invita il lettore a prestare comunque attenzione all’apparenza, a ciò che si indossa. Perché anche gli abiti hanno il potere di comunicare e far capire lo status sociale e la provenienza di chi li veste. Un volume che si oppone al detto che l’abito non fa il monaco.
Dunque se anche voi volete tuffarvi in questo romanzo immersi tra passato e presente non ci resta che invitarvi alla lettura di questo romanzo cliccando sul link che vedete qui sotto e…

BUONA LETTURA!!!