Recensione libro Fuori dal nido dell’aquila di Shefit Troka

Buongiorno libere e liberi! Eccoci di nuovo con un altro suggerimento letterario. Parliamo oggi di Fuori dal nido dell’aquila di Shefit Troka.

La trama

È la metafora di una grande rinascita, un campo di battaglia esistenziale dove sono sbocciati i fiori più belli in una delle pagine più drammatiche della recente storia europea, quando le poche miglia di mare che separano l’Albania dalla Puglia, di fatto invalicabili per almeno cinquant’anni, sono diventate in quel periodo il tratto più trafficato al mondo. Di questo romanzo, di stampo neorealista con punte di intimistica poesia, Troka è sia protagonista che voce narrante, e procede per deja vù, sfalsando i piani temporali, mescolando ricordi che fanno ancora male ad attimi di spensieratezza. È così che costruisce un viaggio a ritroso, una narrazione in crescendo che si libra leggera sopra la ferita sanguinante che siamo, mostrandoci le nostre più sublimi e tragiche sfaccettature.


  • Titolo: Fuori dal nido dell’aquila
  • Autore: Shefit Troka
  • Editore: Bonfirraro
  • Data pubblicazione: dicembre 2019
  • Numero pagine: 136
  • Prezzo copertina: 13,20 €
  • Prezzo e-book: 4,89 €

La mia recensione

Forse questo libro era quello che mi serviva in questo periodo un po’ particolare. Un libro che infondesse speranza e positività, soprattutto in questo periodo dove l’incertezza ancora si fa sentire.

Fuori dal nido dell’aquila È un volume breve, che però sa riunire in sé in modo esemplare sentimenti forti. La disperazione, la speranza e il coraggio.

Protagonista di questo scritto è anche l’autore, che a cuore aperto narra la sua non facile esistenza. Ripercorre e racconta con estrema chiarezza e sensibilità le emozioni provate nel lungo viaggio che dall’Albania lo conduce nel nostro paese.

Stanco della situazione in cui era costretto a vivere nel suo paese d’origine, Troka racconta le tappe del suo viaggio nella condizione di clandestino.

Molte volte viene ripetuta la parola fallimento all’inizio. Certo, il nostro protagonista non troverà subito la via spianta. Molti infatti saranno i suoi tentativi verso la liberazione. Colpisce però la determinazione di questo personaggio, il suo battersi per avere un futuro migliore. E la sua costanza verrà premiata quando finalmente arriverà in Italia dopo un doloroso cammino.

Nel suo percorso molte sono le persone che incrocia. Molte sono ostili a lui e al suo voler fuggire da un paese in guerra. Molte altre però saranno a lui d’aiuto, spinte dalla solidarietà oltre che dal desiderio comune di evadere da quel paese dove ogni speranza sembra essere annientata.

Uno scritto davvero toccante, ricco di positività non solo in un avvenire migliore ma anche nel genere umano. Con il suo scritto, infatti, l’autore non manca di sottolineare l’importanza della fiducia degli altri. Ed è così che, alla fine, la sua battaglia per il cambiamento viene ripagata. E nel modo più genuino che si possa immaginare: un sorriso ricambiato che illuminerà il percorso del nostro protagonista verso la salvezza.

 

2 Risposte a “Recensione libro Fuori dal nido dell’aquila di Shefit Troka”

  1. GRAZIE. GENTILISSIMA. NELLA RECENSIONE DEL MIO LIBRO HA SCRITTO LE VERE EMOZIONI. AUGURO A TUTTI ITALIANI UNA BUONE LETTURA. SHEFIT TROKA-STEFANO.

I commenti sono chiusi.