Recensione libro: Dimmi tre segreti di Julie Buxbaum

 

Buongiorno amici lettori,pronti per un’latro consiglio di lettura? Sono contenta oggi di potervi parlare di un libro che mi colpito e mi ha saputo fare emozionare molto  e credo conquisterà ogni altra lettrice. Sto parlando di Dimmi tre segreti di Julie Buxbaum.

La trama

E se la persona che ti conosce meglio al mondo fosse l’unica che non hai mai incontrato?
Jessie ha sedici anni e una vita da schifo. O almeno così le sembra il giorno in cui lascia Chicago per frequentare il liceo più snob di Los Angeles. Ma proprio quando le cose si mettono male, riceve una mail misteriosa. Una mail in cui Un Perfetto Sconosciuto si offre di aiutarla a orientarsi nella giungla della nuova scuola, mantenendo però l’anonimato. Jessie è perplessa: si tratta di uno scherzo di cattivo gusto o qualcuno vuole davvero darle una mano? Il punto è che lei non è nelle condizioni di rifiutare un aiuto tanto generoso: sua madre è morta ormai da un paio di anni, e suo padre si è risposato, costringendola a trasferirsi dall’altra parte del Paese, in un posto che odia con un fratellastro che odia ancora di più. Ecco perché Jessie non può fare altro che fidarsi: presto, Un Perfetto Sconosciuto diventa il suo migliore amico, e lei decide che è arrivato il momento di incontrarlo. Ma, si sa, ci sono segreti che è meglio non svelare mai…

dimmi-tre-segreti

 

  • Titolo: Dimmi tre segreti
  • Autrice: Julie Buxbaum
  • Casa editrice: De Agostini
  • Data di pubblicazione: maggio 2016
  • Pagine: 382
  • Prezzo: 12, 52 euro
  • Prezzo ebook: 3,67 euro
  • Narrazione: in prima persona

 

 

 

 

La mia recensione
Questo è un romanzo davvero stupendo. Credevo che, essendo la protagonista un’adolescente, quindi in un fase della vita particolare, in cui le emozioni vengono amplificate, avrei faticato a comprendere il suo punto di vista. Mi sono invece ricreduta positivamente. Jessie è stata proprio una sorpresa. Non è un’adolescente come tante. Dimostra una maturità non comune per una sedicenne e anche se non si crede forte e sicura di sé, nei fatti invece dimostra il contrario. Non si abbatte di fronte a niente. Appare tosta e paziente. Nonostante non sia facile cerca di adattarsi ai grandi cambiamenti che la sua vita ha subito in poco tempo. Non c’è più sua madre. Suo padre ha deciso di risposarsi e di trasferirsi dalla fredda Chicago alla scintillante L.A.. Il tutto accompagnato dall’ingresso in una scuola prestigiosa, frequentata da ragazzi ricchi e ragazze che sembrano supermodelle. È il minimo che tutti questi cambiamenti l’abbiano scombussolata.
Leggere le sue vicende al liceo è stato un tutto nel passato. È un periodo che segna enormemente. L’ambiente è totalmente nuovo. Devi fare nuove amicizie. Scontrarti con la realtà e fai confronti con gli altri, per di più hai un età in cui devi affrontare i cambiamenti del tuo corpo, inizi a capire chi sei affrontando un mondo un po’ più grande rispetto a quello a cui si era abituati.
Jessie deve fare i conti con la differenza tra la sua vita più “umile”, semplice e quella ricca e degli studenti del college Wood Valley in cui è iscritta, i quali non sono abituati a vedere una povera plebea che veste GAP”. Tutti sembrano potersi permettere viaggi formativi da inserire nel curriculum per entrare in un’università prestigiose. È naturale che i suoi compagni ridano quando ammette che durante l’estate ha lavorato da Smoothie King facendo frullati!
Sembra quindi una impresa impossibile trovare qualcuno con cui fare amicizia. Ma in realtà qualcuno che può farle da guida c’è. È P.S. (Perfetto sconosciuto), che con una mail aveva offerto il suo supporto un a Jessie per sopravvivere alla giungla Di Wood Valley. Quindi, anche non sapendo chi sia questo P.S., decide di fidarsi di lui e lo invoca come suo spirito guida.
La cosa interessante è che, mail dopo mail, il rapporto virtuale tra i due diventa sempre più confidenziale. Tra i due si instaura una amicizia che si vuole portare al di fuori di uno schermo e vedere se la complicità che c’è tra loro esiste anche nella realtà.
Il libro ha riproposto quello che accade nella realtà di oggi. Ha reso in maniera curiosa e simpatica il modo in cui sempre più spesso avvengono i primi approcci. Ovvero virtualmente. Jessie infatti riceve una mail da un ragazzo misterioso, Perfetto Sconosciuto, che si offre di aiutarla ad orientarsi nella nuova scuola. P.S. diventa la persona con cui confidarsi, a cui rivelare i propri segreti. Tra i due si instaura una corrispondenza che però si vorrebbe rendere concreta e non solo virtuale. Però bisogna scoprire la misteriosa identità di P.S. che sembra conoscere perfettamente la protagonista.
Jessie, basandosi sui pochi indizi ottenuti dalle conversazioni con il ragazzo misterioso, inizia le sue indagini. Sarà Theo, il fratellastro? Oppure Liam, con cui si è scontrata in libreria? Oppure ancora Caleb, che ha sempre con sé il cellulare? Oppure l’introverso Ethan, che sembra tra tutti il più riservato e il più misterioso? La risposta la lascio a voi lettori che vi imbatterete in questa divertente ricerca di questo perfetto sconosciuto.
Il finale nel quale si scopre l’identità dell’autore delle mail mi ha lasciato un po’in sospeso. Come se il libro prevedesse un seguito. Avrei desiderato sapere di più delle vicende di Jessie e P.S. e anche cosa accade anche agli altri personaggi che ruotano attorno ai protagonisti e ai quali ci si è affezionati durante la lettura. Specialmente vorrei sapere di più sul fratellastro Theo, e su Agnes e Adrianna due amiche speciali. Quindi lancio un messaggio esplicito all’autrice: leggerei molto volentieri un prossimo romanzo in cui possa soddisfare la mia curiosità.