Recensione libro il diario di Carrie

Buongiorno a tutti amici lettori, spero siate belli pronti e carichi per una nuova recensione.  oggi vi propongo Il diario di Carrie di Candace Bushnell.

La trama:

Per chi pensa che le puntate di Sex and the City siano finite troppo presto, per chi non ha mai smesso di sognare il giorno in cui metterà l’anello al dito dello Scapolo d’Oro e per chi, in fondo al cuore, si chiede da sempre come si fa a diventare la regina di New York… Il prequel di Sex and the City racconta, sotto forma di diario segreto, gli esordi della protagonista di una delle più celebri serie televise di sempre. Primi amori, prime amiche, primi passi verso una carriera come scrittrice, fino al primo taxi a Manhattan… Dedicato alle fedelisime, ma strizzando l’occhio anche alle lettrici più giovani, Il diario di Carrie esce in libreria in contemporanea con l’uscita del film Sex and the City 2 nelle sale cinematografiche.

 

  • Titolo: Il diario di Carrie
  • Autore: Candace Bushnell
  • Editore: Piemme
  • Numero pagine: 401
  • Data pubblicazione: ottobre 2010
  • Prezzo cartaceo: 8,08 euro
  • Prezzo Kindle: 6,99 euro
  • Narrazione: Prima persona

 

 

 

 

 

 

La mia recensione:

Se volete conoscere la vita di Carrie Bradshow, la protagonista di Sex and the city Il diario di Carrie è quello che fa per voi.

In questo volume vengono raccontati gli episodi più significativi della vita della protagonista. Si scoprono avventure e disavventure di questa carismatica Carrie.  é irriverente, indipendente e intelligente. l’autrice è riuscita a creare un personaggio unico e indimenticabile.

Con la sua simpatia e il suo carisma Carrie riesce ad affrontare un periodo difficile come l’adolescenza. Supera eventi traumatici quali la morte della madre, il tradimento da parte del fidanzato con la sua migliore amica, l’arresto della sorella. Con il suo coraggio e la sua determinazione Carrie riesce ad affrontare tutto questo. Grazie anche ad un unico obbiettivo. Quello di di diventare scritttice. Un sogno che ha sempre avuto fin da piccola quando già scriveva alcuni racconti.  Un desiderio che  non l’ha mai abbandonata e che riesce a concretizzare con la sua perseveranza. Insiste nel migliorare le proprie doti da scrittrice e. Coltiva questo sogno realizzando articoli per il giornale della scuola e inviando la domanda di partecipazione ad un corso intensivo di scrittura creativa. La sua determinazione la annovera tra i miei personaggi femminili preferiti. Carrie risulta una figura vincente. Dimostra che con impegno e tenendo sempre a mente il proprio obiettivo i sogni possono diventare realtà.

L’autrice non solo è riuscita a creare una protagonista femminile unica nel suo genere ma anche gli altri personaggi sono ben costruiti e sono figure a cui si affeziona. Come il padre iperprotettivo di Carrie , il Topo, ovvero l’amica secchiona, Walt, l’immancabile amico gay. E altri personaggi per cui non si riesce a provare molta simpatia, come Sebastian, ex ragazzo di Carri, Lali, ex migliore amica della protagonista e Mary Gordon Haward, scrittrice con cui Carrie farà conoscenza.

Un romanzo che consiglio per i personaggi e lo stile con cui vengono narrate le avventure di questa protagonista, che risulta irriverente, umoristico e super femminile. Proprio come la protagonista. Stile Bradley.