Recensione libro: Alice punto e a capo di Carol Marinelli

Buongiorno amici lettori. Spero abbiate cominciato la giornata con un sorriso. Se non lo avete fatto nessun problema. Abbiamo il libro perfetto per voi che saprà mettervi di buon umore e farvi suscitare qualche grassa risata. Stiamo parlando di Alice punto e capo di Carol Marinelli.

La trama

Alice è l’amica che vorresti avere. La ragazza che rende una festa più divertente, beve vino da una tazza e ti fa ridere mentre stai piangendo per un ex. Alice è assolutamente felice, tutto è meraviglioso e non c’è nulla di cui preoccuparsi… tranne che, ok: il suo lavoro era davvero bello 10 anni fa. È innamorata del suo migliore amico, ma lui è gay. Gli estratti conto della sua carta di credito sono nascosti sotto il letto, chiusi. Ma forse il problema più grande di Alice è che nasconde un segreto. Un segreto così enorme che non può raccontarlo a nessuno. Come fai a mantenere un segreto così quando tutto sta iniziando ad andare a pezzi? E una volta che l’hai finalmente rivelato, da dove cominci a rimettere insieme la tua vita?

 

  • Titolo: Alice punto e capo
  • Autore: Carol Marinelli
  • Editore: Harlequin Mondadori
  • Genere: Narrativa contemporanea
  • Data pubblicazione: 2015
  • Numero pagine: 355
  • Prezzo cartaceo: 4,74€
  • Prezzo e-book: 4,99€
  • Narrazione: Prima persona

 

 

 

 

L’autrice

Nata e cresciuta in Inghilterra ha conosciuto il marito in un viaggio in Australia

La mia recensione

Un libro mozzafiato che sa coinvolgere grazie allo stile ironico con cui vengono narrate le vicende. Un volume che sa toccare ogni singola corda del corpo. Che sa parlare al cuore e arriva all’anima del lettore raccontando una delle esperienze più drammatiche che una donna può affrontare e subire nel corso della sua vita. E lo fa in maniera delicata, dolce, cercando di smorzare le note tristi delle vicende di Alice.

Volume super consigliato perchè qui ogni singola pagina è stata curata al dettaglio. Dai personaggi, ai dialoghi fino alle ambientazioni.

Partendo dai protagonisti ho avuto il piacere di incontrare Alice. Figura perennemente in analisi, che fatica ad arrivare a fine mese. Sempre in lotta con i suoi ricci ed i suoi indomabili capelli rossi. Un personaggio che vuole essere da quello che è. Vuole tentare di trovare la sua strada e lo fa scovando a fondo dentro se stessa. Scoprendo cosa di nasconde dietro le sue crisi di ansia ed i suoi attacchi di panico che tenta inutilmente di negare. Alice è una figura simpatica, estremamente materna e sensibile.

Poi ho fatto la conoscenza di Hugh. Classico uomo della porta accanto. Personaggio che non accetta bugie e compromessi. Una figura romantica che desidera stare accanto alla persona amata solo se è veramente convinto dei propri sentimenti.

Non è mancato neanche l’incontro con la Tettona, la figura che aiuta Alice nel suo percorso d’analisi. La sostiene nel processo che porta Alice a ritrovare se stessa e provare amore per la bambina che c’è in lei.

Dovete anche sapere che Alice ha due sorelle. Bonnie, sorella della protagonista. Figura che è moglie e madre. Personaggio che arriva a trascurare se stessa per la famiglia ma che alla fine arriva a riscoprire la bellezza di essere femminili. La gioia di uscire, divertirsi e vivere nonostante tutti gli impegni che una madre può avere.

Infine ho conosciuto Lex. La figura che mi ha catturato di più perchè aiuta Alice nel momento più drammatico della sua vita. Perchè è una figura legata alla famiglia ed incarna i valori quali la lealtà e la fiducia.

Passando poi ai dialoghi. Secondo me sono uno dei punti di forza del volume. Essi servono a catturare l’attenzione del lettore, a mantenere l’atmosfera caratterizzata da ironia e simpatia e leggerezza.

Per quanto riguarda lo stile. Esso è unico. Coinvolge, rende appieno i sentimenti e i pensieri dei personaggi. Entra nel cuore del lettore e arriva a farlo commuovere quando si viene a sapere il dramma vissuto da Alice quando era solo una ragazzina.

Le ambientazioni sono anche esse curate e servono a rendere unico questo volume. Fa immergere il lettore nell’atmosfera che respirano gli stessi personaggi. Infatti ci si ritrova catapultati in un pub con Alice ed i suoi amici a ridere e a scherzare con loro, o nel solitario appartamento della protagonista, a fare le valigie e partire per l’Australia. Gli scenari aiutano anche a fare da sfondo alle riflessioni più intime della protagonista.

Da ricordare che tutto il romanzo è tenuto assieme dalla musica. In particolare dal pianoforte. Strumento per eccellenza il quale accompagna sia il lettore che la protagonista in tutta la sua vita. Lo strumento attraverso il quale essa arriva a riconoscere e ad accettare se stessa e nel quale trasferisce tutte le sue emozioni.