Book Jumpers di Mechthild Glaser

Buongiorno amici lettori, oggi vorrei presentarvi un libro davvero avventuroso e emozionante. Sto parlando di Book Jumpers di Mechthild Glaser

Trama:

Un libro davvero avventuroso che racconta la storia di Amy che si ritrova a Stormsay con sua madre, dopo aver deciso di fuggire da un cittadina della provincia tedesca. A Stormsay la protagonista viene a conoscenza di un segreto: la sua famiglia, i Lennox possiede un castello e un enorme biblioteca privata che condividono solo con un’altra, i Macalister, con cui sono in combutta da sempre perché accusati di avere incendiato la vecchia villa nonché i libri dei Lennox. Sia i Lennox che i Macalister però hanno un modo tutto speciale di leggere. Saltano letteralmente nelle storie. Amy allora viene iniziata a leggere in questo modo del tutto originale, e conosce un ragazzo: Will Macalister. Entrambi hanno il compito di proteggere le storie affidate a loro in modo da non permettere che si guastino. Tuttavia un ladro si insinua tra i racconti. Un criminale che ruba le idee degli autori per poi arrivare a scrivere una storia tutta sua. Chi sarà questo furfante sapendo dell’esistenza di un racconto medioevale dei Lennox, andato bruciato, che narra di una principessa, di un principe e di un mostro, e che i personaggi presenti in esso sono trasmigrati nel mondo esterno per sopravvivere?

book jumpers

  • Titolo: Book Jumpers
  • Autore: Mechthild Glaser
  • Genere: Fantastico
  • Data uscita: 2016
  • Editore: Giunti
  • Numero pagine: 352
  • Narrazione: prima persona
  • Prezzo: 8,50 €
  • Prezzo Kindle: 6,99€

 

 

La mia recensione

Ho trovato geniale l’idea dell’autrice di far saltare letteralmente nelle storie Amy, la protagonista. Anche a me piacerebbe avere questo dono. Tanto più che quando si legge si riescono quasi ad immaginare i personaggi e le ambientazioni presenti in esso. Infatti nel libro si possono rivivere i racconti più amati da bambini e adulti come Il libro della giungla, Peter Pan, Sogno di una notte di mezza estate e tanti altri ancora. Le descrizioni dei luoghi e dei protagonisti poi sono ben dettagliate e scrupolose. Lo stile è a tratti avventuroso, a tratti umoristico e a tratti horror che insieme si fondono alla perfezione. Originale e accattivante l’idea di porre un personaggio d’eccezione come Werther, de I dolori del giovane Werther come guida per Amy. Una sorta di Virgilio che accompagna la protagonista nei suoi viaggi nei libri. Interessante è anche il filo narrativo che tiene insieme il racconto: un ladro che si aggira tra le favole per fare razzia e arrivare a scrivere una storia tutta sua. La scoperta del ladro poi è un colpo di scena. Alla fine si arriva a scoprire che chi ha commesso il furto è il personaggio più insospettabile tra tutti quelli presenti. Si anche a sapere che il furfante non era consapevole di quello che faceva. Questo perché era governato da un altro che lo ha sottomesso per riuscire a raggiungere il suo obiettivo: comporre un nuovo racconto per poi riuscire ad entrare nella storia che era stata bruciata e che lo ha costretto a vivere nel mondo esterno.  Un libro che mi ha coinvolto dall’inizio alla fine per lo stile in cui è raccontato, per la bravura dell’autrice e per le sue idee originali. Unico appunto che posso fare è che avrei preferito che i personaggi fossero meglio caratterizzati psicologicamente.